sabato 17 dicembre 2016

#069 - L'infinito


© L’infinito 2016 foto di Maurizio Leoni


Non sono stato certamente il primo a fotografare il cielo e non sarò di sicuro neanche l’ultimo.
Già avevamo parlato nelle pagine di questo blog di Le nuvole di Stieglitz e probabilmente tutti voi conoscerete il lavoro di Luigi Ghirri intitolato l’Infinito, dove il genio assoluto e indiscusso della fotografia italiana ha immortalato il cielo in tutti i giorni dell’anno, fino a comporre 365 immagini dello spazio celeste, tutte raccolte in questo volume.

Per me il cielo è in particolar modo quello notturno delle sere d’estate, quando dal balcone di casa mia, seduto su una sdraio, osservo l’infinità dell’universo immobile al mio sguardo, fatta eccezione per qualche piccola luce colorata ed intermittente che mi segnala la presenza di un aereo di linea in galleggiamento tra le stelle.

Ed è in questa situazione di totale rilassamento che inizia il mio viaggio virtuale il quale mi porta a esplorare con il solo mezzo della fantasia mondi sconosciuti e irreali, quasi a voler sfidare ogni legge fisica dello spazio e del tempo.

Così quando ho letto il bando del concorso fotografico del Premio Insula Romana, svoltosi nella mia città di Bastia Umbra, dal tema “Il viaggio”, ho subito pensato al cielo come spazio ideale per viaggiare:

Titolo:

L’infinito (anno 2016)

Descrizione:

Il cielo, uno spazio sconfinato dove l’anima di ognuno può muoversi liberamente.
Un viaggio ipotetico alla scoperta di mondi interiori, emotivi, onirici, irrazionali.
Il cielo, un luogo perfetto per perdersi e poi ritrovarsi.


Citazione:

“Così tra questa immensità s’annega il pensier mio:
e il Naufragar m’è dolce in questo mare”
Giacomo Leopardi.

Dulcis in fundo, domenica 27 novembre 2016, nella splendida cornice della Sala Congressi di Umbria Fiere ho avuto la fortuna e l'onore di ritirare il primo premio… che fa sempre piacere.

Buon Natale.

mercoledì 5 ottobre 2016

#068 - Umbria World Fest 016



Coraggio amici, ormai manca poco, solo poche ore e poi tutti a Foligno, nel prossimo fine settimana per la XV edizione dell’UMBRIA WORLD FEST 016 che si svolgerà da venerdì 7 fino a domenica 9 ottobre 2016 sotto la Direzione Artistica di Marco Pinna.
Un programma ricco ed emozionante, un’iniziativa stupenda, per un mix da favola tra arte, musica e fotografia assolutamente da non perdere.
Tutte le notizie sulla manifestazione sono rintracciabili sul magnifico SITO della manifestazione che vi invito a visitare al più presto.
Agli amici fotografi, oltre che alle mostre, segnalo IL FOTOMERCATO che si svolgerà nei giorni 8 e 9 ottobre al secondo piano di Palazzo Candiotti dalle 10 alle 19 e il PREMIO PORTFOLIO UMBRIA PHOTO FEST, al quale mi sono iscritto anch’io, con in palio un bel gruzzolo di euroni.
Per chi non vuole competere ci sarà l'opportunità di far vedere i vostri lavori gratuitamente e confrontarvi (che non fa mai male) con le persone esperte e competenti che saranno a disposizione per discutere delle vostre foto.
Cosa volere di più!
Non mi resta che salutarvi e darvi appuntamento al UMBRIA WORLD FEST 016 di Foligno nel prossimo fine settimana.
Ciao!

mercoledì 14 settembre 2016

#067 - SpelloPhotoFest 2016



Spello non è solo la città romana fondata nell’antichità con il nome di Colonia Julia Hispellum come attestano alcune iscrizioni originarie.
Spello non è solo uno dei borghi più belli d’Italia con archi, porte e torri antichissime costruite con la pietra del Subasio.
Spello non è solo la città della fantastica Cappella Baglioni affrescata magistralmente dal Pinturicchio e visitata ogni anno da migliaia di turisti provenienti da tutto il mondo.
Spello non è solo la città dei meravigliosi resti romani, dell’infiorata, dei balconi e dei vicoli fioriti, dei musei e delle botteghe, dell’olio, delle primizie gastronomiche e di quanto altro fanno di Spello uno dei posti più ammirati in Italia e nel mondo.
Attualmente e fino a domenica prossima 18 settembre, Spello è e sarà anche sede di un meraviglioso evento culturale ed espositivo quale la terza edizione dello SpelloPhotoFest 2016.
La mostra, allestita lungo la centralissima Via Giulia in spazi pubblici e privati, offre allo spettatore una varietà di lavori, a volte più vicini all’arte che alla fotografia intesa in senso tradizionale, che stupiscono per la grande sensibilità degli autori, rapiscono lo sguardo e appassionano l’anima.
Assolutamente da non perdere.

lunedì 1 agosto 2016

#066 - In giro per Fano


© fotografia di Maurizio Leoni

Nel tardo pomeriggio è piovuto abbondantemente e mentre scrivo sta calando la sera anche su questo primo giorno di agosto.
Io e la mia famiglia siamo reduci da un primo scampolo di ferie e non vediamo l’ora di ripartire.
Anche quest’anno abbiamo rispettato quella che sta diventando sempre più una tradizione e cioè fare un po’ di mare nell’antica città di Fano… il mare di noi Umbri.
Stessa spiaggia e stesso mare, l’Adriatico.
Per noi gente della terra di mezzo Fano è stata sempre una delle mete più ambite, al fine di godersi le ferie e beneficiare di un po’ di meritato riposo.
Ricordo che da piccolo si prendeva l’automobile o il postale e ci si inerpicava, curva dopo curva, verso Gubbio e poi su ancora per la strada della Contessa fino alla splendida gola del Furlo, tappa obbligata, ora vanificata da una lunghissima galleria che perfora la montagna.
Erano altri tempi e qualche maligno potrebbe sussurrare che noi Umbri non eravamo visti proprio bene dai Fanesi in quanto, sembra, che le nostre famiglie spendevano poco o, peggio ancora, c’era qualcuno che la domenica si portava il pranzo da casa senza frequentare i raffinati ristorantini locali.
Se guardate bene nelle vostre vecchie scatole, dove i vostri genitori o nonni conservavano le fotografie, troverete ancora le foto un po’ ingiallite e in bianco e nero del mare di Fano.
Per me che non amo moltissimo il mare, che non mi tengo a galla, non mangio pesce e diserto volentieri le spiagge e gli ombrelloni non mi rimane altro che consolarmi con la moretta, il tipico caffè dei pescatori, qualche bel libro e scattare fotografie in giro per Fano.
Ed è così che ogni anno che passa aumenta il numero di scatti degli angoli più nascosti della città di cui vado alla ricerca, cavalcando la bicicletta dell’hotel dove alloggio.
Se la tradizione delle vacanze fanesi continuerà fra vent’anni, forse, avrò un po’ di materiale da esporre in qualche bar o in qualche trattoria.
Per il momento non mi rimane che riproporvi tre immagini con le quali ebbi la fortuna e l’onore di vincere un concorso fotografico un po’ di tempo fa, proprio in questa magnifica città.
Un saluto particolare all’amico Marcello Sparaventi e a tutti gli altri componenti di Centrale Fotografia.

Buone vacanze a tutti !






domenica 19 giugno 2016

#065 - Collettivo SYNAP(SEE)





Due giorni fa a Perugia in Via dei Priori nella splendida cornice della Sala Incontri di Palazzo degli Oddi Marini Clarelli su iniziativa di Istanti – Fotografia e Cultura presieduta dal nostro Vinicio Drappo si è svolto un interessantissimo incontro con il Collettivo SYNAP(SEE) rappresentato dai fotografi Andrea Buzzichelli e Stefano Parrini (nella foto).
Nel corso dell’incontro sono stati affrontati numerosi argomenti primo tra tutti quello di fare fotografia in modo collettivo nel rispetto delle individualità degli autori.
Infatti, come bene si comprende dal MANIFESTO del collettivo “La missione di Synap(see) è di operare collettivamente, interpretando e producendo lavori fotografici approfonditi, per proporre la propria visione sulle relazioni tra uomo contemporaneo e il proprio spazio. Come gruppo vogliamo condividere i nostri studi legati all’immagine, innanzitutto con i membri del collettivo stesso e successivamente con chiunque dimostri interesse. Vogliamo operare nel rispetto della dignità umana esprimendoci ognuno con la propria visione, siano i nostri progetti di taglio reportagistico o di ricerca. Il nostro linguaggio si ripropone di rinnovarsi, adeguandosi e accettando la sfida e le infinite possibilità legate all'immagine e alla diffusione di massa della fotografia. Non siamo contro il mercato della fotografia, ma non vorremmo sottostare esclusivamente alle regole economiche che lo condizionano, per questo motivo, non tutti i lavori, avranno necessariamente come finalità la vendita. I progetti che trattiamo verranno prodotti nella massima considerazione delle persone e delle cose, rispettando l’obbligo etico del fotografo. I progetti vengono trattati andando in profondità, tenendo in considerazione tutto ciò che l’idea del collettivo riguarda e che il collettivo può e riesce a trattare con coerenza e professionalità”.

Oltre alla metodologia sono naturalmente risultati molto interessanti i loro lavori che nell’ultimo periodo hanno virato in maniera decisa, per la gioia di chi scrive e cura questo blog, sulla relazione tra uomo e ambiente confezionando nel 2015 un magazine # 1 dal titolo PARCO realizzato in maniera molto curata e originale.



Parco
Collettivo Synap(see)
Se questo è un parco di Steve Bisson

Il progetto “Parco” realizzato dal collettivo Synap(see), nasce con la volontà precisa di indagare la definizione stessa di parco. I parchi italiani rappresentano un arcipelago di territori, ecosistemi,
paesaggi assai diversi. Come diverse sono le definizioni che il concetto di parco racchiude: parchi nazionali, regionali, riserve, zone umide, oasi, reti e aree protette. Un immaginario comune tanto
ricco quanto complesso, che investe l'intera geografia della penisola, da Nord a Sud. Non solo ambiente ma abitanti, persone, centri di visita, centri di educazione e formazione, scuole e università, diritti e istituzioni. Un brulicare di aspettative e prospettive non sempre coerenti. A partire dall'estate del 2014, il collettivo ha deciso di investigare questa complessità, scegliendo di mettere a fuoco il paradigma del confine. Dove inizia e finisce un parco? Se osserviamo un parco è evidente che le relazioni che esso instaura con il territorio non si esauriscono nella sua delimitazione amministrativa. In qualche modo il futuro, o la salute di un parco, dipendono da ciò che accade dentro e fuori di esso.

Synap(see) nasce nel 2011 ed è composto da:

Andrea Buzzichelli
Emanuela De Luca
Paola Fiorini
Antonella Monzoni
Stefano Parrini
Giovanni Presutti

Il prossimo lavoro che darà vita ad un nuovo magazine è “Fiume” di cui si possono seguire gli sviluppi sul blog del collettivo alla pagina http://synapseeblog.tumblr.com/fiume.
Complimenti e buon lavoro.

sabato 28 maggio 2016

#064 - Un uomo a metà





Un uomo a metà



Vivo giorni malfermi inseguendo i miei passi,
Vivo giorni brutali avanzando sui sassi,
Sono un nuovo Godzilla con i piedi d’argilla,
Sono un falso Cirano a cui trema la mano.



Ecco che arriva un altro giorno bastardo,
La luce negli occhi m’infiamma lo sguardo,
Il cuore martella trafelato nel petto,
Godot mi ha detto: Domani ti aspetto!



Guardo fuori dall’uscio, senza uscire dal guscio,
Resto seduto sul trono di una vita da poco,
Gioco a scopa col mondo nascondendo le carte,
Sono un genio incompreso senza arte né parte.



Esisto perché proietto un’ombra sul muro,
Colleziono giornate ma non vedo un futuro.
C’è una parte di me che non sa cosa fa,
Sono un uomo a metà che non sa dove va.

© Maurizio Leoni

domenica 3 aprile 2016

#063 - Ricomincio da Tre


Quando ho deciso di dedicarmi alla pittura ho pensato “Ricomincio da Tre” come il titolo del celebre film diretto nel 1981 da Massimo Troisi.
Ricomincio da Tre perché dopo essermi messo alla prova con la fotografia e la scrittura, da qualche mese a questa parte ho il privilegio e la fortuna di potermi dedicare anche alla pittura, con risultati tutti da verificare.
Ma soprattutto Ricomincio da Tre perché nella mia imprevedibile vita d’artista “da strapazzo” due tele le avevo già realizzate e da qui nasce la storia che vi voglio raccontare.
Quando ho conosciuto mia moglie, era lei la pittrice provetta che amava partecipare alle estemporanee che venivano organizzate in giro per la nostra regione.
Io che all’inizio l’accompagnavo divertito, ad un certo punto ho cominciato ad annoiarmi e così una volta a Torchiagina decisi di partecipare tanto per passare il tempo, senza aver mai preso in mano un pennello in vita mia.
Era il 2004 e a distanza di anni l’orribile crosta è ancora appesa in un angolo nascosto del nostro appartamento.
Ho immaginato il paese proiettato mille anni più avanti, sotto un sole nero ad illuminare un cielo grigio con nuvole rosse, ho dipinto la Torchiagina del 3004 con grattacieli, torri, ciminiere fumanti, auto e quanto altro.
Sullo sfondo il Monte Subasio ancora miracolosamente verde e sotto, più vicino, la collina con il castello di Sterpeto tutto nero.
A parte la tecnica pittorica appare in ogni caso l’irremovibile visione pessimistica sul futuro dell’umanità.
Qualche tempo più avanti a Solomeo ritentai e confezionai divertito la mia seconda opera raffigurante un giullare in primo piano con il campanile e il paese in festa sullo sfondo.
Questa tela si è guadagnata, con il permesso di mia moglie Katia, l’affissione su una parete della camera di Damiano.
Queste due esperienze mi bastarono e abbandonai pennelli e tavolozza in favore di quella macchina fotografica che da sempre mi accompagna.
In cuor mio però ho sempre coltivato segretamente il sogno di diventare pittore, magari per colorare le giornate della mia vecchiaia e cioè, quando con i passi corti e i riflessi rallentati sarei andato in pensione.
La legge Fornero mi ha convinto ad anticipare i tempi.